Immagini

Il Mondo cresce, l’Italia è ferma

Ci sono realtà in Europa, nel Mondo (come gli Emirati Arabi nelle immagini), ma semplicemente fuori dall’Italia, che viaggiano e crescono a ritmi molto più veloci che in Italia. Ma soprattutto che pianificano, programmano, progettano gli interventi sul territorio, e quindi il futuro.

 

Il belpaese ha di sicuro peculiarità, specificità e bellezze paesaggistiche e culturali da tutelare e valorizzare, di certo non la tabula rasa del deserto di Dubai ed Abu Dhabi o della campagna cinese. Tuttavia valorizzare significa far crescere, rinnovare, migliorare, ripensare il territorio, in un’ottica di sostenibilità ambientale ed economica. L’assenza cronica di pianificazione urbanistica, l’improvvisazione totale, la ridondanza della burocrazia e degli aspetti formali blocca e rallenta lo sviluppo.

Il Paese di Leonardo e Michelangelo, il paese di santi, poeti, navigatori e scienziati è ingessato nell’immobilismo e nella burocrazia.

 

Se non si tornerà a parlare di contenuti, di idee, di progetti e di cose da fare, snellendo drasticamente tutti i corollari e gli inutili e bizantini orpelli burocratici, l’Italia purtroppo diventerà un paese sempre più arretrato ed il fanalino di coda dell’Europa. Occorre cambiare, tanto, e subito.

 

 

foto-1 foto-2 foto-3 foto-5 foto-6 foto-7 foto-8 foto-9 foto-10.

Piano di Azione Nazionale Edifici ad energia quasi zero

Dal 2019 (per gli edifici pubblici) e dal 2021 (per quelli privati) partirà una vera e propria rivoluzione: tutti i nuovi edifici dovranno essere edifici ad energia quasi zero, ovvero edifici a bassissimo consumo energetico, più moderni ed all’avanguardia.

E’ un cambiamento epocale nell’approccio alla progettazione ed alla realizzazione di un immobile, ed è una grande opportunità, al di là degli obblighi di Legge.

http://www.edilportale.com/news/2016/11/normativa/edifici-ad-energia-quasi-zero-in-arrivo-il-piano-nazionale_55181_15.html

 

Tecnicamente, un “edificio ad energia quasi zero”, è un edificio ad altissima prestazione energetica il cui bassissimo fabbisogno energetico residuo è soddisfatto in misura significativa con impianti ad energia rinnovabile.